vaderetromecum

Pubblicato: 28 aprile 2017 in Uncategorized

Scrivi al presente.
Stai raccontando, in primo piano e in prima persona, mentre fai, o in terza persona e dal terzo piano mentre vedi.
Occhio sempre al mentre.
Ogni tanto anche per evitarlo.
Parti però da un campo largo, un po’ rarefatto, onirico, poi ti avvicini piano fingendo di precisare, precisando sempre ciò che il lettore non desiderava fosse precisato.
Scrivi obliquo.
Scrivi per cercare cos’è una partenza nel gesto di raccontare.
Però attento, devi far credere che stai scrivendo per trovare cos’è un arrivo.
Nei dialoghi, taglia le virgolette, non isolare le parole che si dicono, non accadono mai su un tappeto di silenzio.
Quelle vere.
Le tue sono vere.
Al massimo, in virtù della loro verità, non sono tue.
E, nei dialoghi, fai rispondere a ogni non domanda qualcosa di inatteso che però all’interposto interlocutore, a quello vero non si sa, apparirà evidentemente del tutto coerente e naturale.
Guardati bene dal fargli fare una minima piega.
Ricorda, non vuoi dimostrare o insegnare niente, i tuoi personaggi sono didascalici e tu no.
Ricorda, l’autore è l’Innominato sempre presente.
Scrivi al presente.
E risponditi pure, ma ellittico, tangente.
Sei un geometra.
Come un filosofo antico, che scrive al presente.
Un filosofo camuffato da contastorie.
Arrivi tardi.
Tutti i colori di lingua possibili sono già stati usati in tua assenza, parti da questa, imprecisa più che ingannevole, fondamentale più che utile, certezza.
Ogni colore di lingua attende da te un aggettivo, un ruolo servitore, tu assegnali tutti e poi scegli il tuo.
Poi, ma immediatamente, magicamente, scoprirai servitore di cosa.
Impara da ciò che scrivi. La Dea Ispirazione ti ha creato per questo.
Non cercare, mentre racconti, la Poesia.
Scrivi e basta, costruisciti una tana con le parole.
Se ti nascondi bene, Lei ti troverà.
Naturalmente non è necessaria. Anzi può essere dannosa, fuorviante.
Scrivi, alla fine, ma poi mettilo all’inizio, “questa è una storia vera”.
Così. Fra virgolette.

Annunci

I commenti sono chiusi.